Goodbye Diesel: Frase in parte malinconica, in parte incoraggiante. La fine dei propulsori Diesel, secondo alcuni, comporterà un incremento sostanziale nelle vendite dell’ibrido. Come mai? Tutto questo nasce dagli scadenti valori di emissione raggiunti dalle vetture dotate di propulsori a Ciclo Diesel. L’incremento dei centri storici in cui è vietato il transito dei veicoli Diesel, nonché lo scandalo Dieselgate, sta portando quest’ultimo ad una fine quasi certa.

Il destino della tecnologia, brevettata da Rudolf Diesel nel 1892, è segnato? Chi sostituirà il propulsore più comune e diffuso in Italia e in Europa?

Qual è stata la goccia che ha fatto/farà traboccare il vaso?

volkswagen
ilpost.it

Entro il 2021 è obbligo per le case automobilistiche progettare veicoli in grado di contenere emissioni di CO2 a 95 grammo/km: Le sanzioni sono davvero amare! A complicare la vita ai progettisti delle quattro ruote ci saranno anche controlli più severi: test di omologazione sui consumi in grado di aumentare la carica in aspirazione del motore per sottoporlo a maggiore stress, in condizioni di continuo e basso rendimento energetico.

AlixPartners è una delle migliori società specializzate su analisi di mercato; secondo loro:

Tra 14 anni la quota del gasolio diventerà residuale (9%), con le motorizzazioni ibride (28%), elettriche (20%), ibride plug-in (18%) che insieme diventeranno la maggioranza. Sono destinate a resistere ancora quelle a benzina (25% nel 2030 secondo lo studio) anche se opportunamente modificate.

Tuttavia, c’è un dettaglio non poco importante: 95 g/kg! In effetti non è poi così difficile raggiungerlo con un motore a gasolio (ciclo Diesel), in quanto rispetto al Benzina ha una percentuale di emissioni di CO2 inferiore del 10-15%. Nella normativa (2021) però, non rientrano i motori Diesel, vale a dire che pur avendo un basso contenuto di CO2 (rispetto al benzina), dovranno necessariamente essere modificati, o meglio dire, rimossi.

Qual è il senso? La risposta è a livello gas-dinamico e chimico:

Il Diesel pur generando basse quantità di CO2, è in grado di garantire, a Km, una maggiore quantità di ossidi di azoto (comunemente chiamati NOx) e polveri sottili, a differenza del motore Benzina. Quest’ultimi, pur con il DPF «Diesel Particulate Filter» (filtro antiparticolato), possono arrivare ad essere fino a 1000 volte maggiori rispetto al Benzina.

La soluzione immediata sarebbe: elettrico o ibrido plug-in. Ciò non è possibile, in quanto quest’ultimi non sono ancora in grado di garantire abbastanza autonomia, e soprattutto accessibilità
La soluzione effettiva è arrivata pochissimi anni fa e si è evoluta grazie alla tecnologia di bordo tedesca: Mild Hybrid a 48V (Volt).

Cos’è il Mild Hybrid? Bosch risponde.

Sono diverse le aziende ad essersi avvicinate al mondo Mild Hybrid («Ibrido leggero»), chiamato così proprio perché sfrutta un valore di tensione nel circuito elettrico di alimentazione a basso voltaggio: 48V.

Mild hybrid
alvolante.it

La tecnologia nasce nel 2013 con Continental e grazie a Bosch, Delphi e Valeo ha potuto svilupparsi e vedersi applicata ai veicoli quattro ruote. La nuova Renault Scenic, ad esempio, è dotata di sistema Mild; il quale, a differenza dei Plug-in «strong» Hybrid da 300-400V, risulta essere di facile applicazione.

Funzionamento:

Il sistema è chiamato a 48V per il voltaggio del circuito elettrico supplementare alla vettura. Questo circuito alimenta piccole batterie a litio (ovviamente da 48V) ed è collegato ad un piccolo motore elettrico integrato all’alternatore e a sua volta collegato al propulsore termico mediante cinghia o calettato sull’albero motore. Il lavoro uscente dal nostro sistema elettrico-termico, inteso come trazione della vettura è ottenuta in funzione della modalità Mild Hybrid:

mild_hybrid_48V
motori.it
  • Mild Hybrid parallelo: Soluzione molto frequente. Il motore elettrico, alimentato da energia di frenata ed energia accumulata nell’alternatore (veicolo in marcia), migliora le prestazioni della parte endotermica.
  • Mild Hybrid seriale: Il propulsore a combustione interna viene utilizzato esclusivamente per produrre corrente e ricaricare le batterie del circuito 48V; le quali a loro volta alimenteranno l’unità elettrica propulsiva.

A differenza dei motori ibridi, tuttavia, il Mild non è in grado di generare trazione in modo indipendente tra le due unità: elettrica ed endotermica. L’ibrido Mild ha bisogno di un funzionamento combinato per funzionare.

Vantaggi:

  • Ciò che si ottiene è un minor consumo complessivo di energia, anche nel circuito elettrico di bordo a 12V. Maggiore coppia a disposizione e potenza per rendere meno gravose le ripartenze, dannose per i picchi di consumi ed emissioni.
  • I dati degli esperti rivelano una riduzione dei consumi del ben 10% per le auto a benzina; nonché un significativo 20% in città: ricca di curve, frenate e accelerazioni (utili al fine del funzionamento Mild).
  • Riduzione di carburante necessario comporta ad una riduzione delle emissioni CO2, portando i motori benzina ai livelli del Diesel, by-passando il difetto dei NOx e polveri sottili.
  • Aumento efficienza termica.
  • Facilità d’applicazione su svariate strutture automobilistiche già esistenti.
  • Economicamente vantaggiosa: Per gli esperti di costi di produzione, il prezzo sarebbe di 500-1000 euro inferiore a quello di una vettura Diesel; per via della costosa tecnologia di cui dev’essere dotata.

Per il vicepresidente del reparto motori Volvo, Karin Thorn, la tecnologia Mild “sostituirà senza problemi il diesel”. Non solo Volvo si è mostrata fiduciosa; anche Patrice Lucas, vicepresidente del settore Programmi e Strategie del gruppo PSA, è molto soddisfatto dei risultati fin ora raggiunti.

Hyundai e Nissan hanno dato il loro pieno appoggio e sono pronti a sposare la mentalità “Mild”. Volkswagen vuole commercializzare, entro il 2019, il suo primo modello con tecnologia Mild Hybrid: La leggendaria Golf.

Alcune stime:

Secondo dati statistici: entro il 2020 ci sarà il boom delle vendite di ibride pure. Mentre entro il 2025 il 55% delle auto sarà dotato di tecnologia Ibrida (specialmente Mild).

Per chi volesse approfondire come mai il motore a benzina risulti essere, nonostante tutto, un propulsore più efficiente dal punto di vista dei consumi e dell’efficienza; non perdetevi:

Applicazione del Mild Hybrid alle sospensioni a recupero energetico del futuro:

1 COMMENTO

  1. 01/2021: veicoli immatricolati conformi a Euro6D senza fuori valore di NOx
    – benzina 60 mg/Km
    – diesel 80 mg/Km
    – CO2 95g/Km

    Lo scoglio per i diesel sarà il valore di NOx

LASCIA UN COMMENTO